AERONAUTICA MILITARE: festeggiati a Pisa i 75 anni della 46^ Brigata Aerea









di Valerio Perondi

L'Aeronautica Militare festeggia la 46^ Brigata Aerea di Pisa, per i  75 anni di storia. La cerimonia, ospitata all’aeroporto Dall’Oro lo scorso 25 giugno, è stata presieduta dal Generale Roberto Boi, attuale comandante in carica, che ha ricevuto la visita del capo di stato maggiore dell’Aerounatica, Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa. Oltre alle autorità civili cittadine, l’anniversario ha richiamato sul campo pisano, molti dei comandanti che hanno guidato la Brigata nel corso del tempo

copyright: AMI
"Noi della 46esima siamo fortunati. La nostra fortuna è quella di fare un lavoro che ci permette di aiutare gli altri" afferma con un pizzico di orgoglio il Generale Boi; "I nostri verbi ricorrenti sono operare, collaborare, portare aiuto, supportare. Qualsiasi missione viene fatta per altri. Per la Folgore, per la protezione civile, per la Marina Militare, per il ministero della Salute, per gli altri reparti dell’Aeronautica Militare, per i nostri connazionali in pericolo nei posti più o meno remoti del pianeta, per i nostri soldati feriti o caduti nei teatri operativi, per le popolazioni vittime di calamità, per rifornire dall’alto le postazioni più remote dell’Afghanistan, per trasportare civili in immediato pericolo di vita. Tornare a casa e poterlo raccontare, quando è possibile, semplicemente non ha prezzo".

Il Generale Boi, a propria volta, ha ricordato i Caduti della Brigata, molti dei quali riposano nel Sacrario di Kindu, all’ingresso della Base. “Lo spirito di sacrificio è l’essenza della 46ª Brigata Aerea. Permea tutti noi. E non è un merito, è una condizione”. Il Comandante, citando il noto filosofo Sofocle che affermava che “l’opera umana più bella è aiutare il prossimo”, ha ricordato i verbi ricorrenti della 46esima: “cooperare, collaborare, portare aiuto, supportare”. 

Rivolgendosi al Sindaco di Pisa, ha poi sottolineato come la Brigata sia “parte integrante della città, a cui la accomuna “la stessa vocazione all’eccellenza”. Rivolgendosi infine al Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, ha sottolineato che “la 46ª Brigata Aerea e solo una delle tante, tantissime declinazioni dell’Aeronautica Militare”
Al termine della cerimonia, un breve display in volo ha salutato i partecipanti, tra cui moltissimi familiari ed ex appartenenti alla Brigata, che hanno potuto apprezzare la mostra statica allestita con alcuni degli aerei storici della Brigata e fruire degli stand dove si esponevano cimeli e foto storiche, nonché l'attrezzatura per il trasporto in bio contenimento, una delle eccellenze della Brigata e dell’Aeronautica Militare.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.